Cappella Sistina – Vaticano

Cappella Sistina - Roma
Foto Cappella Sistina

Questo post è disponibile anche in: enInglese

La cappella Sistina prende il nome da Papa Sisto IV, il papa che fece restaurare la vecchia cappella Magnata tra il 1477-1480 con un nuovo stile artistico dell’era quattrocentesca.
La Cappella sistina è conosciuta in tutto il mondo sia perché è il luogo dove si svolge il conclave e sia perché rappresenta una delle opere d arte più importanti conosciute nella civiltà artistica occidentale.
Iniziata la sua nuova costruzione nel 1477, la cappella sistina conobbe molti anni pieni di cambiamenti, restauri e abbellimenti, in un primo luogo la decorazione pittorica venne avviata dal Perugino che aveva già partecipato ai lavori della cappella della concezione nell’antica Basilica di San Pietro in Vaticano, nel 1480 seguirono Sandro Botticelli, Cosimo Rosselli, Domenico Ghirlandaio, Pinturicchio, Piero di Cosimo e Bartolomeo della Gatta che effettuarono i dipinti dei riquadri della Cappella Sistina.
Nel 1504 la cappella subì un grave danno, il terreno a causa di smontamenti naturali provocò una crepa nella volta e questo comportò un rallentamento dei lavori e una inagibilità dell’ edificio che si risolse solamente con Giulio II nel 1504, che fece restaurare la volta con l’inserimento di nuovi mattoni nella crepa creatasi.
Nel 1508 la decorazione della volta fu affidata a Michelangelo il quale completò il lavoro con tantissimi ostacoli nel 1512, infatti inizialmente su consiglio del Bramante l’impalcatura che avrebbe dovuto sorreggere gli artisti doveva essere attaccata al soffitto, ma su questo Michelangelo non era d’accordo per il semplice fatto che questo avrebbe lasciato dei buchi una volta finito il lavoro.
Proprio per questo motivo Michelangelo costruì una semplice Impalcatura a gradoni che permetteva non solo di non lasciare segni evidenti sui dipinti ma di lavorare in ogni parte della cappella agevolmente. Michelangelo dipinse nella cappella oltre 300 figure, anche se inizialmente lui era stato incaricato per farne solamente 12, quelle degli Apostoli.
In seguito a quegli anni purtroppo la cappella subì nuovi assestamenti e questo causò ulteriori crepe nella volta che richiesero l’intervento di Hendrick van de Broeck e Matteo da Lecce per ridipingere le “Storie di Cristo e di Mosè” Infine nel 1535 Clemente VII commissionò nuovamente a Michelangelo un ulteriore lavoro nella Cappella Sistina, l’enorme affresco conosciuto come “Il giudizio universale”.
Questo lavoro fu oggetto di una pesante disputa tra Michelangelo e il Cardinale Carafa, Michelangelo venne accusato di immoralità e intollerabile oscenità, in quanto aveva osato dipingere delle figure nude all’interno della chiesa più importante della cristianità.
Dopo la morte di Michelangelo difatti venne incaricato un suo allievo per coprire tutti i genitali e le altre parti intime delle figure rappresentate con dei panneggi.
Nell’ultimo restauro effettuato tra il 1980 e il 1984 vennero rimossi alcuni panneggi per riportare alla luce le figure originarie. Ha una forma rettangolare e misura 40,93 metri di lunghezza per 13,41 di larghezza per un altezza di 20,70 metri.

Lista opere pareti – Cappella Sistina

Parete ovest Cappella Sistina

Michelangelo, Giudizio Universale (1536-1541) Perugino, Nascita e ritrovamento di Mosè (distrutto) Perugino, Assunta con Sisto IV inginocchiato (distrutto) Perugino, Natività di Cristo (distrutto)

Parete sud Cappella Sistina

La parete sud mostra le Storie di Mosè, databili al 1481-1482. Dall’altare si incontrano:
Pietro Perugino e aiuti, Partenza di Mosè per l’Egitto Sandro Botticelli e bottega, Prove di Mosè Cosimo Rosselli o Domenico Ghirlandaio o Biagio di Antonio Tucci, Passaggio del Mar Rosso Cosimo Rosselli e Piero di Cosimo (attr.), Discesa dal monte Sinai Sandro Botticelli, Punizione dei ribelli Luca Signorelli e Bartolomeo della Gatta, Testamento e morte di Mosè

Parete nord Cappella Sistina

La parete nord mostra le Storie di Cristo, databili al 1481-1482. Dall’altare si incontrano:
Pietro Perugino e aiuti, Battesimo di Cristo Sandro Botticelli, Tentazioni di Cristo Domenico Ghirlandaio, Vocazione dei primi apostoli Cosimo Rosselli (attr.), Discorso della montagna Pietro Perugino, Consegna delle chiavi Cosimo Rosselli, Ultima Cena Parete est (d’ingresso) Hendrik van den Broeck (1572) su originale di Domenico Ghirlandaio, Resurrezione di Cristo Matteo da Lecce (1574), su originale di Luca Signorelli, Disputa sul corpo di Mosè

Parete est Cappella Sistina

Hendrik van den Broeck (1572) su originale di Domenico Ghirlandaio, Resurrezione di Cristo Matteo da Lecce (1574), su originale di Luca Signorelli, Disputa sul corpo di Mosè

Galleria fotografica Cappella Sistina

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *