Castel Sant’ Angelo

Castel Sant' Angelo - Roma
Foto Castel Sant' Angelo

Questo post è disponibile anche in: enInglese

Castel Sant’ Angelo venne costruito in un’area periferica della Roma antica, come mausoleo dell’Imperatore Adriano. Esso assunse questa funzione per diversi secoli, fino al 403 d.C. quando rientrò all’interno delle mura aureliane.
Monumento molto importante che prese il nome ‘castellum’ a protezione della città. Da questo momento numerose sono state le famiglie romane che ne contesero il possesso, ricordiamo fra queste il senatore Teofilatto, la famiglia Pierleoni, gli Orsini e la famiglia Crescenzi.
Il papa Nicolo III fece realizzare il famoso ‘Passetto di Borgo’ che collegava il Castello direttamente con il Vaticano, sicuramente per agevolare il passaggio tra un luogo e l’altro, ma anche per rifugiarsi nella fortezza in caso di assedio. Papa Urbano V ne prese possesso nel 1367, da questo momento in poi le sorti del castello restarono legate a quelle dei vari papati.
Grazie alla sua struttura protettiva, il castello ospitava l’archivio/tesoro del Vaticano, ma venne adibito anche a tribunale e prigione.

Cosa vedere – Castel Sant’ Angelo

Il Castel Sant’ Angelo oggi è sede di un museo dove sono conservate collezioni di armi e documenti legati alla sua storia. Oggi si possono visitare tutti gli ambienti presenti nel castello. Interessanti sono le prigioni, che per anni sono state luogo di persecuzione e martirio. E’ possibile visitare anche le lussuose stanze papali. Vi stupirete della magnificenza delle sale adibite ai residenti, sono tutte ricche di dipinti e decorazioni. Interessante per importanza artistica è sicuramente la sala di Apollo, dove sono presenti gli affreschi della scuola Perino del Vaga. La visita al castello si divide in sei piani, tutti visitabili nella loro integrità. Prima di lasciare questo edificio, posizionatevi sul cortile ed osservate l’angelo posizionato sul punto più alto della struttura. Quello che oggi si può ammirare, risale al 1753 ad opera dell’artista Pierre van Verschaffelt. L’ultimo di una lunga serie di “angeli” distrutti dalle intemperie e dai saccheggi.

Galleria fotografica di Castel Sant’ Angelo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *