Portico di Ottavia al ghetto di Roma

Portico di Ottavia - Roma
Foto Portico di Ottavia

Questo post è disponibile anche in: enInglese

Il Portico di Ottavia si trova a Roma nella zona del Circo Flaminio ed è uno degli edifici appartenenti alla Roma Augustea. La costruzione che oggi potete vedere è solo una piccola parte di una struttura più grande che conteneva il tempio di Giove Statore, costruito interamente in marmo ad opera di un architetto greco ed il tempio di Giunone Regina.
Il portico venne dedicato alla sorella dell’imperatore, Ottavia. La struttura venne restaurata più volte nel corso degli anni, la prima data storica della sua ricostruzione risale all’incendio dell’ 80 quando venne distrutta gran parte della struttura.
Un altro restauro avvenne sotto Settimio Severo nel 191 quando il portico di Ottavia venne distrutto da un altro incendio, anch’ esso devastante. Naturalmente i resti oggi visitabili appartengono all’ultimo restauro effettuato, la struttura originaria è andata perduta.
Il Portico di Ottavia si presenta con un propileo d’ingresso, con il tratto di portico ancora in piedi. Nell’angolo estremo meridionale, uno scavo archeologico ha portato alla luce l’antica pavimentazione.
La parte che oggi risulta più conservata è sicuramente quella relativa al propileo, costituito da due muri di mattoni (laterali) nei quali si aprono gli archi in corrispondenza del portico.
Delle colonne corinzie che precedevano la struttura, restano oggi in piedi due colonne esterne.
Nella parte interna, anch’essa rivestita da colonne, ne potete osservare tre dell’antico colonnato corinzio. Sull’architrave potete leggere quel che rimane dell’antica iscrizione Severiana dove è impressa la data del restauro, 203 d.C..
All’interno dell’edificio erano presenti due templi, di queste antiche strutture oggi è visibile solo il tempio di Giunone, del quale restano solo alcuni elementi architettonici.
Nel Portico di Ottavia erano collocate trentaquattro statue equestri in bronzo che rappresentavano Alessandro e i suoi ufficiali durante la battaglia del Granico. Alcuni resti del Tempio di Giunone Regina sono visibili nelle case circostanti, in cui si possono osservare alcuni capitelli e frammenti di architravi in travertino.

Galleria fotografica del Portico di Ottavia

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *