Tempio di Giove

Tempio di Giove - Roma
Foto Tempio di Giove

Questo post è disponibile anche in: enInglese

Il Tempio di Giove è situato nel Campidoglio, costituisce il più grande monumento presente nella zona. Davanti a questo tempio, nell’antica Roma, terminavano le cerimonie trionfali e venivano svolte le assemblee del senato.
Oggi sono presenti solo alcuni frammenti che testimoniano la sua costruzione, l’opera è stata quasi interamente distrutta durante il grande terremoto di Roma.
Le fondamenta furono gettate durante l’impero di Tarquinio Prisco, i lavori di costruzione proseguirono e vennero ultimati da re Tarquinio il Superbo.
Il tempio venne inaugurato nel 509 a.C. da Marco Orazio Pulvillo, console della repubblica romana. Venne distrutto quasi totalmente nell’83 a.C. durante un terribile incendio, durante questo disastro vennero persi anche tutti i libri sibillini in esso contenuti.
Successivamente l’intera struttura venne ricostruita da Lucio Cornelio Silla, il termine dei lavori porta data 69 a.C.. Ad oggi del tempio non è rimasto quasi più nulla, potete ammirare parte della platea, dei frammenti del podio e parti della decorazione marmorea.
I resti dei frammenti rinvenuti li potete ammirare nel Museo Nuovo Capitolino.
Davanti alla facciata del tempio si estendeva l’Area Capitolina, ci si arrivava percorrendo una lunga scalinata. Oggi si può ammirare una parte della scalinata all’interno dei giardini del tempio di Giove.
Tutta la zona in epoca romana, era riempita con monumenti e opere artistiche. Più volte negli anni venne fatto “spazio” spostando il monumento altrove, lo stesso Augusto diede ordine di trasferire la maggior parte delle opere nel Campo Marzio.
Resti di templi minori sono stati rinvenuti all’interno dell’area dedicata al tempio di Giove, tra cui si è quasi certi, vi fosse il tempio di Fides e quello di Ops.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *